07 Mär
2016

Diritto dei trasporti e nuove condizioni generali degli spedizionieri: a cosa prestare attenzione

Le condizioni generali tedesche degli spedizionieri (ADSp2003) predisposte dalle associazioni degli spedizionieri e degli addetti ai servizi di logistica (Deutscher Speditions- und Logistikverband – DSLV) costituiscono parte integrante di molti contratti di trasporto e di deposito e, di conseguenza, assumono particolare importanza per tali settori. L’applicazione di tale normativa è andata sempre più estendendosi con la conseguenza che le ADSp hanno acquisito, per giurisprudenza costante, validità al pari degli usi commerciali.

A far data dal 01.01.2016 sono state pubblicate le nuove ADSp 2016 ed è stata consigliata la loro adozione da parte delle associazioni che le hanno predisposte. Si tratta, non come in precedenza di un quadro normativo comune elaborato dalle associazioni di rappresentanza degli spedizionieri e dalle associazioni dei caricatori, ma di una raccomandazione unilaterale della DLSV. Anche le associazioni dei caricatori hanno sviluppato le proprie condizioni di trasporto e di deposito (condizioni di trasporto e di deposito tedesche, in breve DTLB) e da parte loro ne raccomandano l’ assunzione.

Una delle modifiche essenziali delle ADSP 2016 è nel cuore delle ADSp stesse, nella parte in cui regolano la responsabilità del vettore. L’attuale versione si ispira ai principi in tema di responsabilità del vettore secondo il § 425 del codice del commercio tedesco e determina di conseguenza un aumento degli importi dovuti in caso di responsabilità. Fino ad oggi la responsabilità era limitata all’importo di € 5,00 per ogni chilogrammo della merce trasportata, mentre le nuove disposizioni prevedono una responsabilità limitata a 8,33 diritti speciali di prelievo (DSP), corrispondente ad una somma di ca. € 10,50 per chilogrammo della merce trasportata. Per la prima volta le ADSp contengono una dettagliata regolamentazione sui tempi di carico e scarico della merce e delle spese di sosta che ne conseguono. Degni di nota sono i doveri di informazione posti a carico del committente, ampliati rispetto alla precedente versione delle ADSp con riferimento a tutti quei fattori essenziali che possono influenzare l’esecuzione del contratto. Modifiche rilevanti nella prassi sono quelle introdotte per quanto concerne la dichiarazione dei beni di valore e dei beni per i quali sussiste un pericolo di furto.

Non solo i trasportatori, ma anche i caricatori e gli imprenditori stranieri che incaricano trasportatori tedeschi, non possono ignorare le nuove ADSp 2016 con le quali sono chiamati a confrontarsi per poter al meglio affrontare i rischi e doveri che ne derivano. Resta da vedere in che misura le nuove regole – anche con riferimento alla normativa in tema di concorrenza da parte delle associazioni dei caricatori - saranno applicate nella prassi. Inoltre sono da aspettarsi discussioni circa la conformità delle innovazioni di cui alle ADSp2016 alle condizioni generali e circa la loro idoneità a superare le verifiche di conformità da parte dei Tribunali competenti.

Rechtsanwältin Ruth Witten-Violetti
dmp notiziario 03/2016